• Home
  • Collaborazione creativa

Collaborazione creativa

Nato dalla collaborazione: Audi urbansphere concept¹ è stata progettata insieme ai potenziali clienti.

22.04.2022 Text: Bernd Zerelles - Photo: AUDI AG Tempo di lettura: 6 min

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

Immagini digitali di Audi urbansphere concept¹.
Durante il processo di collaborazione, i designer Audi hanno mostrato ai potenziali clienti le bozze digitali di Audi urbansphere concept¹, per poi confrontarsi all’interno dello spazio virtuale.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

Marc Lichte, Head of Design Audi, afferma: "All'inizio, ero un po' scettico perché non sapevo come sarebbe stato. Quando progettiamo una vettura, il cliente è sempre al centro dell’idea, non vi è alcun dubbio. Ma finora non avevamo mai avuto un contatto così diretto tra pari". Anche per Marius Kohlhepp, Head of Customer Insights & Trend Research Audi, questo progetto è stato una novità assoluta: "Anche prima, abbiamo sempre tenuto in considerazione le esigenze dei clienti, grazie alle ricerche di mercato. Tuttavia, finora i clienti non erano mai stati coinvolti sin dall'inizio del processo. Questa volta per noi è stato importante agire in modo completamente diverso, anche in vista di una trasformazione."

 

Un nuovo concetto di vettura che apre la strada verso inediti approcci: Audi ha
progettato Audi urbansphere concept¹ affidandosi al cosiddetto processo di
collaborazione. Poiché questa concept car è stata progettata su misura per gli
spostamenti all'interno delle megalopoli della Cina, nella progettazione, la Casa dei quattro anelli ha coinvolto un gruppo selezionato di trend receiver cinesi, nonchè
potenziali clienti Audi provenienti dalla Cina. In questo processo di creazione
comune è stato possibile prendere in considerazione le esigenze dei clienti in modo mirato. Un processo avvenuto in una fase primaria dello sviluppo e a partire dagli interni della vettura.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

Ritratto di Marc Lichte.

Inoltre, presso lo studio di design Audi di Pechino, sono stati organizzati tre workshop. Il gruppo della Cina si è incontrato fisicamente sul luogo, mentre i colleghi di Ingolstadt hanno partecipato in streaming, a diretto contatto con i clienti. Tutto questo ha permesso di integrare immediatamente i suggerimenti provenienti dai workshop nel processo di design di Audi urbansphere concept¹. Durante il primo incontro si è creata la visione condivisa. Sulla base di questi risultati, i designer Audi hanno sviluppato progetti e schizzi, sui quali si è discusso concretamente con i
potenziali acquirenti, durante il secondo appuntamento. E al terzo workshop, i clienti hanno potuto sperimentare il design tramite la realtà virtuale. Sebbene non fosse disponibile un modello fisico dell'auto, i potenziali acquirenti hanno potuto prendere posto nel veicolo, servendosi di occhiali a realtà aumentata e ricevere le spiegazioni dei designer.

 

Le ispirazioni da parte dei clienti cinesi si sono concentrate soprattutto sull'abitacolo di Audi urbansphere concept¹. Considerando che nelle megalopoli cinesi lo spazio personale è particolarmente ridotto, questo veicolo rappresenta un terzo spazio da vivere, oltre alla casa e al posto di lavoro. In questo modo, Audi urbansphere concept¹ è concepita sia come lounge privata che come luogo dedicato alle attività in movimento, con ampie offerte high-tech.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

Ritratto di Marc Lichte.
In principio Marc Lichte, Head of Design Audi, nutriva scetticismo in merito al pro-cesso di collaborazione con i clienti.

“Il processo di collaborazione è stato entusiasmante e stimolante, per l'intero team di design Audi.”

Marc Lichte

Marc Lichte: "La Cina è molto avanti nel campo della digitalizzazione. Tuttavia, nel processo di collaborazione i clienti hanno manifestato un grande desiderio di Digital detox. Da una parte, amano avere un enorme display per l'intrattenimento in auto, dall'altra desiderano anche avere la possibilità di poter disporre del massimo riposo". Partendo da questo requisito, ad esempio, il team di design Audi ha sviluppato un display OLED trasparente, che può essere ruotato verticalmente dall'area del tetto nella zona tra la fila anteriore e quella posteriore dei sedili. Quando non è attivo,  diventa una superficie trasparente.

Considerando la vettura sia nella sua totalità che nei dettagli, i designer Audi hanno valutato con attenzione tutti i suggerimenti e le opinioni dei clienti cinesi. Dal grande tettuccio in vetro alla forma dei sedili per avere ancora più privacy in auto, fino al tappeto per gli interni, il cui design rappresenta un'interpretazione moderna di un giardino zen: questi suggerimenti si sono presentati durante i colloqui con il gruppo di clienti.

Studio di design Audi di Pechino

Oltre alla sede centrale di design di Ingolstadt, Audi gestisce studi di design a
Malibu, negli Stati Uniti, e dal 2011 a Pechino, Cina. In qualità di brand
internazionale, Audi ricerca le tendenze nell’ambito della mobilità, dell'arte e della cultura, cercando di adattarle al mercato locale e mondiale. La Cina svolge un ruolo particolare, essendo per Audi il mercato singolo più grande, capace di creare
tendenze e standard propri. "Per i cinesi, la vettura è sia luogo di lavoro sia spazio in cui vivere. Non è solo un mezzo di trasporto, ma anche un'estensione del proprio
essere: rappresenta individualità e soprattutto benessere", spiega il designer Audi Yunzhou Wu, coordinatore del team di progettazione degli interni. "L'aspetto estetico dei veicoli deve essere più audace, più colorato e, nel complesso, più vistoso di quanto non sia, ad esempio, in Europa. Nell'abitacolo, oltre all'esperienza di guida e all'esclusività, la connettività e l'interazione svolgono un ruolo sempre più importante. Ad esempio, quando si rimane in coda nelle ore di punta".

Primo piano di Marius Kohlhepp.

Tutti i soggetti interessati apprezzano la partecipazione dei potenziali clienti allo sviluppo di questo nuovo veicolo. Stephan Fahr-Becker, Head of Design di Audi China, afferma: "Prestare veramente ascolto ai clienti, in uno stadio primario dello sviluppo della vettura, è essenziale per creare prodotti che pongano al centro le persone. Le discussioni sono state edificanti e molto divertenti". Anche lo stratega delle tendenze, Marius Kohlhepp valuta positivamente la collaborazione: "I potenziali clienti sono stati entusiasti di poter discutere apertamente e tra pari direttamente con il team di progettazione. Tali formati consentono di avvicinare le persone che sviluppano veicoli a quelle che poi in un secondo momento li utilizzeranno".

 

Marc Lichte conclude: "Dopo lo scetticismo iniziale, tutto ciò è stato entusiasmante e stimolante. Non solo per me, ma per l'intero team di design. Il concetto legato alla vettura si sta evolvendo: da semplice oggetto destinato alla guida a spazio esperienziale. Ed è proprio sulla scia di questa trasformazione che dobbiamo coinvolgere i nostri clienti. Vorrei progettare queste concept per il futuro, insieme ai clienti potenziali. Adesso abbiamo testato questo progetto con grande successo con Audi urbansphere concept, e vedo che la collaborazione racchiude un enorme potenziale per l'intero processo di sviluppo".

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

Primo piano di Marius Kohlhepp.
Marius Kohlhepp è Head of Customer Insights & Trend Research presso Audi. Considera la collaborazione anche come una trasformazione della mentalità.

“I clienti potenziali sono stati entusiasti di poter discutere tra pari direttamente con il team di progettazione.”

Marius Kohlhepp

Vista dell'abitacolo di Audi urbansphere concept¹.
Risultato della collaborazione creativa: l'abitacolo di Audi urbansphere concept¹ è una lounge dagli ampi interni. Uno spazio personale nelle ore di punta delle megalopoli.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

Uno spazio pieno di opportunità.

Uno spazio pieno di opportunità.

Audi urbansphere concept¹ è uno spazio personale all’interno delle megalopoli: un luogo per sé stessi e ufficio high-tech al contempo. Una lounge esclusiva e un’area pensata per incontrarsi.

Maggiori informazioni

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.

¹La vettura qui menzionata o mostrata è una concept car non disponibile per la produzione di serie.