• Home
  • Cinque tesi sull'arte.

Cinque tesi sull'arte.

Il futuro è un modo di vedere le cose. Il collezionista d'arte Christian Boros sull'importanza dell'arte. Per lui come individuo e per la società.

01.07.2022 Text: Bernd Zerelles - Foto: Jules Esick  Tempo di lettura: 3 min

Christian Boros nel suo bunker convertito in galleria d'arte.
Il collezionista Christian Boros, in uno spazio espositivo del suo bunker convertito in galleria d'arte, davanti a un lavoro dell'artista belga Kris Martin.

Christian Boros, 57 anni, è un imprenditore nel settore dei mezzi di comunicazione, nonché editore. L'arte è la sua passione. Christian Boros acquistò la sua prima opera d'arte a 18 anni. Oggi possiede una delle più grandi collezioni d'arte contemporanea in Germania. Nel 2003, ha acquisito il bunker della Reichsbahn: la vecchia compagnia ferroviaria nazionale, nel quartiere Mitte in centro a Berlino, trasformandolo in un luogo d'arte famoso in tutto il mondo. Qui dal 2008, su una superficie di 3.000 metri quadrati, espone frammenti della sua collezione, allestendo presentazioni che cambiano a cadenza regolare (sammlung-boros.de/en). Inoltre, Christian Boros fa parte del Consiglio di amministrazione degli Amici della Galleria Nazionale di Berlino, è membro del Consiglio del Grimme Institute, del Comitato di patrocinio della Fondation Beyeler e del Global Patrons Council di Art Basel. Un amante dell’arte che considera gli artisti pionieri, avanguardie spirituali. Ci ha illustrato la sua visione attraverso cinque tesi sull'arte.

1. L'arte esprime un modo di vedere.

"Prima del Rinascimento, l'arte era intesa principalmente come forma di artigianato e di competenza". Tuttavia, dal XV secolo, il concetto di qualità si è sempre più avvicinato a quello di originalità. Credo che le domande principali che si pone l'arte siano le seguenti: cosa pensa un artista? Di cosa si occupa? Qual è la sua opinione sul tema? Sono le prestazioni concettuali, il significato e il modo di vedere la realtà, unitamente alle capacità artistiche di trasposizione, a determinare la rilevanza dell'arte."

Ritratto di Christian Boros.
In cinque anni di ristrutturazione, Christian Boros ha eliminato soffitti in cemento e pareti interne del bunker, ricavando 180 piccoli ambienti, per creare spazi espositivi adatti alla sua collezione d'arte.

2. L'arte è incomprensibile. All'inizio.

"Sin dai suoi esordi, l'arte è sempre risultata incomprensibile per la maggior parte dei contemporanei, in quanto non paragonabile alle norme estetiche note: rompe le convenzioni e rappresenta una vera e propria novità. L'arte scardina e provoca. Solo così si spostano i limiti della percezione e solo così si crea l'innovazione".

 

 

 

3. La buona arte è soggettiva.

"Un artista è autore della sua opera, ed è per questo che la firma! Gli artisti hanno il coraggio di dire io. Nessun artista produce verità o affermazioni oggettive. Gli artisti sono persone libere e hanno obblighi solo verso sé stessi. Noi, dal nostro canto, possiamo imparare dalla sensibilità personale di un artista. Grazie all'interesse verso gli artisti e le loro diverse soggettività, una società aperta acquisisce nuovi punti di vista sul presente. Questo si chiama imparare o ampliare la propria visione del mondo".

Foto artistica su una parete del bunker.
Sulla parete un fotogramma di Fabian Marti. Nel bunker d'arte, su cinque piani si alternano spazi espositivi piccoli e grandi.

4. L'arte è bella?

"L'arte non ha il compito di abbellire un ambiente, una casa o un museo. Arte non equivale a decorazione, né serve ad abbellire la vita. L'arte non è un lavoro manuale: in primo luogo, è un modo di vedere il presente e poi una modalità propria di tradurlo attraverso diversi mezzi di comunicazione. Questa forma di atteggiamento da parte degli artisti può essere piacevole, irritante, può ampliare la coscienza, essere stimolante o toccante, ma mai solo bella".

5. L'arte deve essere sempre vera.

“L'arte non deve seguire mode o tendenze, bensì deve rappresentare e rendere visibile in modo credibile e unico l'affermazione di un artista. Solo in questo modo, l'arte può essere un arricchimento per la società. Solo in questo modo, può contribuire ad ampliare i confini e a diffondere conoscenze vere. Oggi. E in futuro".

 

Conversations on Progress: Henrik Wenders incontra Christian Boros

 

Con l'app Audi TV "Auditv mobile" per smartphone e tablet (Apple App Store e Google Play Store) è possibile seguire la serie "Conversations on Progress" e scoprire ulteriori informazioni dal mondo Audi.

 

L'app Audi TV è disponibile anche per Apple TV, Amazon Fire TV e Smart TV. Visitate a tale scopo l'App Store del vostro dispositivo TV e scaricate l'app "AudiTV".

Un'icona fin da subito.

Un'icona fin da subito.

Scoprite come Audi RS e-tron GT¹ unisce estetica e prestazioni.

Maggiori informazioni

Audi RS e-tron GT: Consumo energetico combinato*: 20,2–19,3 kWh/100km (NEDC); 22,6–20,6 kWh/100km (WLTP)Emissioni di CO₂ nel ciclo combinato*: 0 g/km

Audi RS e-tron GT: Consumo energetico combinato*: 20,2–19,3 kWh/100km (NEDC); 22,6–20,6 kWh/100km (WLTP)Emissioni di CO₂ nel ciclo combinato*: 0 g/km

Il browser non sembra aggiornato. Il nostro sito web potrebbe non funzionare in modo ottimale. La maggior parte dei browser (non però MS Internet Explorer 11 e versioni precedenti) funziona comunque senza problemi. Le consigliamo di aggiornare il browser! La versione più recente può garantire buoni risultati ovunque su Internet. Grazie per averci visitato, e buon divertimento! Il team Audi